Realizzare un’intervista – Seconda puntata

realizzare un intervista

Per realizzare un’intervista professionale in interni non basta munirsi di un cavalletto e di una telecamera, per quanto sensibile sia e per quanto anche in condizioni di scarsa luminosità riesca a donarci immagini di qualità. L’illuminazione è un fattore fondamentale da non trascurare mai per realizzare le nostre immagini con l’esatto aspetto che vogliamo dargli e poter, a seconda delle necessità, valorizzare o meno determinati punti e angolazioni. Di seguito approfondiamo alcuni aspetti che permettono di comprendere in modo semplice come procedere ed evitare errori in partenza.Dopo aver scelto come realizzare la prima inquadratura, di solito la più larga, facendo particolare attenzione a fattori come la centralità del soggetto, la direzione dello sguardo e l’allestimento di una scenografia molto essenziale, si può passare alla pianificazione dell’illuminazione che può seguire diverse strade a seconda del contenuto che dobbiamo realizzare.

Realizzare un’intervista – Illuminazione

L’esempio più completo che può spiegare facilmente le varie tipologie di luci presenti sul mercato e il loro utilizzo nello specifico, riguarda la realizzazione dell’illuminazione di un’intervista, prevedendo almeno tre o quattro punti luce. Il lavoro richiede una buona conoscenza delle attrezzature da usare per evitare di creare un guazzabuglio di ombre e colorimetrie differenti ed incappare nell’errore di impastare completamente il soggetto allo sfondo e rendere l’immagine piatta, poco leggibile e soprattutto poco professionale.

Gli approcci a questo tipo di lavorazione sono differenti per realizzare un’intervista, c’è chi con un colpo d’occhio capisce esattamente dove piazzare le luci e che effetto ottenere, altri invece, soprattutto i meno esperti, preferiscono disegnare prima un piccolo schema e prevedere in modo esatto cosa si sta illuminando per controllare tutto più facilmente.

Ma non  sempre si ha abbastanza tempo per farlo. Realizzare un’intervista professionale vuol dire anche saper gestire al meglio il tempo e crearsi in anticipo uno schema mentale, anche sull’illuminazione, può essere d’aiuto soprattutto in situazioni critiche e molto frenetiche.

Realizzare un’intervista – Schema di base

Come principio di partenza il nostro obiettivo sarà quello di staccare il soggetto che parlerà dallo sfondo, per dargli da subito la giusta importanza. Il modo per realizzare questo tipo di effetto riguarda la differente illuminazione che daremo sia allo sfondo che al soggetto, vediamo come procedere:

Il controluce gioca un ruolo molto importante e va da subito piazzato in modo da far risaltare lo stacco con lo sfondo attraverso la realizzazione di una silhouette più o meno marcata a seconda delle necessità. Nella condizione migliore si può facilmente verificare l’effetto spegnendo le altre luci e utilizzando solo il controluce come illuminazione.

Successivamente si possono piazzare le luci destinate ad illuminare frontalmente il soggetto per rendere il volto ben leggibile. In questa fase è importante utilizzare delle luci morbide e diffuse che non creino ombre tra le varie parti del viso e che soprattutto non vadano a sovrapporsi e “cancellare” il nostro controluce. Verificare sempre, anche in modo molto rapido, come si sta procedendo è un buon accorgimento per apportare i vari aggiustamenti strada facendo.

Per quanto riguarda lo sfondo o parti di inquadratura che contengono dettagli importanti, si può procedere in diversi modi per realizzare un’intervista: Se lo sfondo deve essere illuminato in modo nitido perchè ritrae insegne, prodotti, libri e quant’altro, è bene prevedere un’illuminazione che lo renda leggibile ma non troppo, per non togliere importanza al soggetto dell’intervista. Se si vogliono creare particolari tagli o sfumature è opportuno realizzare l’effetto attraverso l’utilizzo di bandiere, filtri riflessi e black foil ed evitare che la luce dello sfondo colpisca anche il soggetto.

 

Realizzare un’intervista – Consigli sull’attrezzatura

Per potersi sbizzarrire e provare diverse ed infinite soluzioni per realizzare l’illuminaizone di un’intervista è necessario munirsi di alcuni strumenti fondamentali. Sul sito di Arri Italia alla sezione luci è possibile consultare alcuni prodotti di altissimo livello e dalle caratteristiche e tecnologie differenti. I fari che montano lenti Fresnel ad esempio, risultano molto interessanti per realizzare silhouette e illuminare dettagli importanti. Per quanto riguarda invece l’illuminazione diffusa si possono consultare i prodotti proposti sul sito dell’azienda Lupo srl che offre diverse soluzioni per l’illuminazione a led e a fluorescenza.

Utilizzare filtri, gelatine e black foil oltre a permetterci di mischiare luci con una diversa temperatura colore grazie alle gelatine di conversione, ci consente di maneggiare la luce con estrema precisione, un giro sul sito dell’azienda Lee Filters può essere un’ottima occasione per lasciarsi ispirare ed inizazre a sperimentare per realizzare la prima intervista.

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento